Corsi

La formazione è aperta a tutti.

Non è necessaria un’esperienza di danza pregressa. Il metodo è basato sul corpo e sulla verità del corpo e del movimento, sui limiti e il loro riconoscimento.
Le esperienze precedenti sono arricchenti rispetto alla scoperta del metodo e supportano e sostengono nel mantenimento della propria individualità.
La verità e il successo sono nell’essere se stessi. L’esperienza personale rispetto al proprio vissuto sarà una possibilità per sé e per gli altri.

Il Metodo Fux, ideato e diffuso nel mondo a partire dal 1940, dalla danzatrice e coreografa argentina Maria Fux, è, tra le forme di danzaterapia, quello più attento ai valori umani e più orientato al mondo artistico interiore.
Maria Fux, danzando, ha creato una metodologia per raggiungere la pienezza delle proprie potenzialità espressive e favorire l’incontro e l’integrazione tra persone di età, cultura e condizione psicofisica differenti.
L’utilità e le finalità della formazione sono trasversali.

La Scuola di Formazione in Danzaterapia e improvvisazione coreografica metodo Fux si rivolge ad artisti, insegnanti, educatori, medici, psicologi e, più in generale, a tutti coloro che vogliono scoprire di più su se stessi e sul Metodo Fux.

Il percorso di formazione metodo Fux di danzaterapia in rete, nasce grazie all’incontro con Maria Fux e la sua danza. Gabriella Spadaro e Riccardo Riva, sentendosi vicini alla visione di Maria Fux, hanno cercato altri danzatori e visionari presenti sul territorio Italiano e, con Angela Fossa e Mirella Avenoso, hanno creato una rete che permette la diffusione del metodo a un costo calmierato. Con il tempo si sono aggiunte altre figure che hanno apportato competenze e stili personali, fra questi Barbara Tantillo e Carolina Brasioli.

Il corso di formazione in danzaterapia metodo Fux, rappresenta un’imperdibile occasione di crescita non solo professionale ma soprattutto personale. Il nostro obiettivo è fornire, ai futuri danzaterapeuti, gli strumenti corporei, artistici, espressivi, creativi, relazionali e pedagogici, ma, soprattutto, creare una rete di condivisione di stimoli, idee, musica e attività.

Il metodo creato da Maria Fux fornisce strumenti utili da applicare con diverse utenze: bambini, adulti, anziani, persone con disabilità e/o persone che hanno bisogno di migliorare la percezione di sé o cercano un modo per esprimere la propria interiorità.

Per venire incontro alle nuove norme di sicurezza e distanziamento sociale, parte dei corsi teorici saranno erogati online. Gli incontri di Danza si terranno un week end al mese presso sedi site in Milano (per la formazione in Lombardia) e presso strutture site a Cento (per la formazione in Emilia Romagna). Per Roma e Messina o Calabria, gli allievi si metteranno direttamente in contatto con Angela e Mirella.
I docenti sono costantemente a vostra disposizione per confronti, consigli, supervisioni e per rispondere a dubbi e domande.

MATERIE E PERCORSI

Le materie che saranno approfondite nel corso della formazione sono:

  • Storia della danzaterapia metodo Fux, le pioniere. Le radici dell’arte e le contaminazioni nella formazione di Maria Fux [I anno]
  • Danzaterapia metodo Fux applicata [I anno]
  • Sperimento gli stimoli (ore di danza in gruppi integrati presso i docenti riconosciuti) [I anno]
  • Dalla danzaterapia metodo Fux alla creazione dell’arte, dall’arte al metodo Fux [II anno]
  • Integrazione delle arti [II anno]
  • Il danzatore attore [II anno]
  • Utilizzo della voce [I anno]
  • Invenzione e creatività attraverso i materiali (oggetto transizionale) [I anno]
  • Preparazione dell’incontro [I anno]
  • Stesura della relazione [II anno]
  • Tecniche di respirazione [I anno]
  • Simbolismo e mito nella danza [I anno]
  • Metodologia primi incontri [I anno]
  • Lo spazio e l’altro [I anno]
  • Dalla danza alla danzaterapia (disturbo post traumatico e comunicazione col divino) [III anno]
  • Scelta della musica  e danza del silenzio (semifrontale) (sperimentazioni e linguaggi) [I anno]
  • Dalla danza all’improvvisazione coreografica, il momento artistico (semifrontale) [III anno]
  • Antropologia, filosofia e psicologia nel metodo Fux accenni [III anno]
  • Il metodo applicato alle utenze [II anno]
  • Metodologia approfondimenti (sul piano psicologico, etc.) [II e III anno]
  • Creazione di un’associazione, affiliazioni e coperture assicurative personali e delle utenze [III anno]
  • La conduzione sperimentata (semifrontale) [III anno]
  • Creazione della rete [III anno]
  • Danzaterapia metodo Fux (applicazioni avanzate per la docenza) [III anno]
  • Corso di formatore per formatori [III anno]
  • Approfondimenti della pratica sulle utenze, confronto e sperimento [II anno]
  • Supervisioni [II e III anno]
  • Personalizzazione del metodo, mantenere la propria individualità all’interno del metodo Fux, liberare la creatività [II e III anno]
  • Tirocinio di conduzione [II e III anno]

La dicitura I,II e III anno è indicativa del grado di approfondimento dell’argomento e non dell’anno di iscrizione.

La formazione prevede due certificazioni:

  • percorso di 600 ore “danza coreografica di improvvisazione metodo Fux
  • percorso di 1380 ore “percorso formativo in danzaterapia metodo Fux

La prima certificazione verrà conseguita dopo 600 ore di partecipazione calcolate fra stage, intensivi, lezioni teoriche, tirocini e relazioni.
La certificazione di danza coreografica di improvvisazione metodo Fux è una scelta tecnica che permette di lavorare da subito con le ASD. La danza coreografica di improvvisazione è riconosciuta dal Coni e i corsi possono essere proposti anche al di fuori dell’esclusivo campo olistico.

La seconda certificazione si ottiene al raggiungimento delle 1380 ore, che comprendono stage, intensivi, lezioni teoriche e pratiche, tirocinio di conduzione e relazioni. Viene rilasciata da tutti i docenti fra cui Riccardo Riva, certificato alla
scuola Argentina di Maria Fux.

Chi fosse già formato e desiderasse approfondire uno specifico argomento, potrà partecipare a singoli incontri di teoria o frontali. Una possibilità di condivisione per chi desidera accrescere le proprie competenze.

È previsto un colloquio conoscitivo per valutare e integrare le esperienze pregresse e costruire un percorso personalizzato a impatto minimo.